COME GUARIRE DAL MAL DI TESTA SENZA MEDICINALI

335-cane-mal-testaCapita che ogni tanto vado a vedere che cosa combinano in farmacia dall’altro capo dell’oceano, ormai è un attimo capire come vanno le cose grazie al web ( e poi, non te lo nascondo, sono appena tornato dagli Stati Uniti).

Dice: e allora? Come vanno?

Come da noi, forse peggio per certi versi!

Là chiunque ha accesso ai farmaci da banco (avrai sicuramente un amico o un parente che ti avrà portato come souvenir un pacco di antinfiammatori da 500 compresse come se ti avesse portato una bella torta e non delle medicine) senza che un esperto della salute gli spieghi come e perché dovrebbe evitarli o, ancora peggio, se vanno in conflitto con altre medicine che già sta assumendo.

Ma non temere, anche qui da noi capita la stessa cosa.
“Non siamo mica gli americani “ diceva Vasco tanti anni fa, ma nemmeno tanto più furbi aggiungo io…

Basta un attimo, pochi, pochissimi euro, il tremendo danno è stato fatto e non puoi più tornare indietro.

Immagina la scena:
Hai un po’ di mal di testa e chiedi una pillola al tuo collega di ufficio, ed è la prima. Torni a casa e quel fastidioso mal di testa è ancora lì, ingurgiti due cose al volo, ti butti sul letto, sperando che ti passa, ma non passa. Avanti con un’altra pasticca che tra un po’ si ricomincia (è già la seconda in un giorno). Intanto dopo la seconda pasticca, il mal di testa è ancora lì. Mi sa che oggi non è giornata…

Torni a lavoro, dopo pranzo, il capufficio rompe: le scadenze, le fatture, le note, i progetti e così via, ma il mal di testa è ancora lì e non vuole saperne di andare via. Ormai più che un malessere è diventato un compagno di viaggio lungo la tua giornata. E’ quasi sera, stai per uscire dall’ufficio, a momenti torni a casa, e il mal di testa non ha mollato nemmeno un attimo, come si fa? Dai, forza e coraggio: cena rapida, televisione (se il mal di testa te lo concede), una doccia calda e poi a dormire che domani si ricomincia.

Hai dormito bene? Ti sei svegliato riposato? Come dici? No? Niente? Stai una pezza, peggio di prima? Beh, almeno sei a casa e il cassetto dei medicinali ha tante armi a disposizione.

Stamattina che scegli? Aulin, Oki, Moment?

Hai deciso per il moment che è “ più leggero”, bene, bravo, lo capisco. Ne hai già presi un po’ ieri ma forse oggi andrà meglio.
Da quanto tempo sta andando avanti così? Una settimana? Un mese? Un anno? Il fegato come sta? E il resto dei valori? Trigliceridi, glicemia, colesterolo? Tutti alle stelle?

Il tuo medico che ti dice? Che è “normale”? E’ solo un po’ di stress? Va bene, ma per le ferie ci vuole ancora parecchio! Che fai ora?

Un altro giro di moment che è “leggero”?

Peccato che ti stai illudendo, non esiste un antinfiammatorio più leggero di un altro.  E tra uno e l’altro, per capire quale funziona meglio, l’unico modo è provare su se stessi.

Ma come, il medico ti ha detto che uno è meglio, l’altro è peggio, uno è più leggero, l’altro è più pesante (tra l’altro, ci hai mai fatto caso? Non ti ha mai spiegato qual è il termine di paragone per leggero e pesante. Cioè rispetto a che cosa sono farmaci leggeri o pesanti? Per il fegato? Per le tossine? Per l’azione di maggiore o minore efficacia? BOH! )

E quindi sono tutte fregnacce?

Non saprei come altro definirle, ma valuta tu stesso. Tutto questo casino ovviamente non è colpa tua, ma di chi non ti spiega queste cose così come stanno.

Vuoi sapere tutta la verità, solo la verità, nient’altro che la verità?

E’ inutile che continui a ingozzarti di antidolorifici, sei INFIAMMATO!

<< Come sarebbe a dire “sei infiammato”? Ma come! È una settimana che prendo antinfiammatori, com’è possibile che sono ancora infiammato? >>

Provo a spiegartela in termini semplici, senza parlare in “medichese” com’è abituato a fare il tuo medico, in modo che tu poi non capisci niente di quello che ti ha detto (e tanto lo sai meglio di me che pensa di essere Paganini, lui non si
“ripete “, c’ha da fare, c’è gente che aspetta, mica può stare dietro pure a te! ) : quando ti parlo di infiammazione, mi rivolgo sempre a quel tipo di infiammazione che puoi tranquillamente chiamare “cronica”.

Sì, hai letto bene : cronica, costante, permanente, e in alcuni casi eterna (tanto, quando te ne sarai liberato, ti sarai liberato anche di tutto il resto, per sempre… )

Perché il tuo medico, o il tuo farmacista, non ti ha spiegato che l’uso prolungato di IBUPROFENE (in Italia meglio conosciuto come Moment) è come continuare ad usare il Vioxx (un farmaco ritirato pochi anni fa perché era più efficace nel CAUSARE malattie cardiache che non a farti passare i dolori)?

Perché non te lo spiega che così continui a farti del male invece che curarti?

Tutta questa situazione, mi ricorda un po’ un personaggio di Mai dire Gol, la trasmissione satirica sul calcio di qualche anno fa: Tafazzi, l’uomo che godeva a prendersi a bottigliate sulle parti intime. Più prendi queste pillole per stare bene, più ti fai del male da solo.

Questa situazione però, ovviamente, non è colpa tua nel modo più assoluto!

Il medico si dovrebbe prendere cura dei tuoi problemi e non lasciare tutto in mano a te come se tu d’improvviso fossi un esperto in medicina e sapessi cosa fare al momento giusto! Dovrebbe spiegarti questa maledetta infiammazione cronica cos’è, come ci sei arrivato e da quanto ce l’hai, ma soprattutto come combatterla e sbarazzartene!

Non mi vorrei sostituire al tuo medico (anche se quando gli parli di “infiammazione cronica”, ti dà un altro antinfiammatorio , tu sparagli) ma ti posso consigliare un piano d’esecuzione rapido in sole 3 mosse

1) Riconosci l’infiammazione “cronica”

Sei sempre stanco? Ti ammali spesso? I tuoi valori del sangue sono stranamente alti nonostante il tuo stile di vita “corretto”? Sei tendente al diabete? Le unghie si rompono troppo facilmente? Ti svegli più stanco di quanto sei andato a dormire? Hai sempre voglia di pane o di dolci?

Sono TUTTI sintomi di uno stato d’infiammazione cronico, nel dubbio corri a fare le analisi! Basta chiedere al laboratorio di fare il test della PCR (Proteina C Reattiva) o dell’Omocisteina, se superano i valori “normali”, hai fatto Bingo!

Beh, oddio… Magari non proprio Bingo, ma almeno sai da che dipende tutto questo! Vuoi mettere la differenza tra sapere che fare e brancolare nel buio? 😉

2) Correggi la tua alimentazione

Non sto qui a spiegarti biologicamente e chimicamente perché dovresti eliminare zuccheri raffinati,cereali e latticini.

Sappi semplicemente che sono fonte di tossine e di proteine super allergeniche difficilissime da digerire (per non aggiungere il fatto che sono poverissimi di vitamine e minerali)

Mangia invece carne, pesce, uova, frutta e verdura di tutti i tipi secondo la stagione.

Sì, lo so che secondo il tuo medico carne e uova fanno salire il colesterolo, ma tu di sicuro hai già letto la mia super guida al colesterolo e sai perfettamente che è la più grossa bugia degli ultimi 50 anni.

E poi, ad uno che il massimo aggiornamento scientifico, che ha fatto negli ultimi 6 mesi è stato seguire Porta a Porta, che gli vuoi dire? Lascialo stare e non ti preoccupare! J
3) Segui i 3 pilastri della salute

  • Allenati
  • Dì le tue preghiere
  • Prendi le tue vitamine

– Allenati : Alza un po’ di pesi, vai a correre un po’, monta in bici, vai a nuotare, pur di non stare seduto in poltrona va tutto bene!

– Dì le tue preghiere: non ti sto chiedendo di essere un fervente predicatore evangelico come James Brown nei Blues Brothers, ma anche in questo senso fai qualcosa.

La preghiera, o la meditazione, sono attività molto importanti che dovremo svolgere ogni giorno per dare un “turno di riposo” al nostro ormone dello stress. Quindi compra un cd di musica da cabina estetica, o qualche disco di musica orientale, tanto li trovi ovunque a quattro spicci, anche sulle bancarelle degli indiani la domenica mattina, addirittura li trovi gratis su youtube.

Lo so che ti sembra strano, ma fidati di me, fai partire un tutorial di meditazione su youtube per anche solo 10 minuti al giorno e vedrai come anche il tuo corpo cambierà “musica”.

Pensi forse che i “santoni” buddhisti siano solo dei vecchi rimbambiti, appoggiati su una roccia davanti ad una cascata, fermi immobili per ore? Non credere, loro la sanno lunga! L’abbassamento del cortisolo li tiene mentalmente sani per una vita o forse due

Prendi le tue vitamine: no, non ti sto parlando del Multicentrum, di quello ti parlerò un’altra volta (e fidati di me, se ti dico che un paio di punti da chiarire ce ne sono anche lì).

Ci sono solo 3 “vitamine” o “integratori” da prendere per stare in forma una vita:

Magnesio, Omega 3 e Vitamina D.

L’unione dei tre forma nel tuo corpo qualcosa di molto vicino all’idea di un equilibrio perfetto.

Il magnesio funziona da vera e propria centrale energetica, l’omega 3 abbassa diversi fattori dell’infiammazione cronica e la vitamina D (già chiamarla vitamina D è riduttivo; parlare di ormone sarebbe più corretto) è un fortissimo immuno modulatore (cioè ti protegge della malattie aumentando le difese immunitarie naturali del corpo)

P.S.: C’è ancora una cosa che non ti ho detto, e che può dare una svolta totalmente diversa alla tua salute.

Solo su appuntamento posso eseguire con te il SISTEMA FAT PHARMACY per riportare in perfetto equilibrio la tua salute e darti tutte le indicazioni di cui hai bisogno ricominciare a vivere la tua vita senza malattie, senza controindicazioni e senza bisogno del medico.

Inviami una email al contatto che trovi qui sotto e ti ricontatterò in meno di 24 ore!

info@buonacura.com

Commenti

commenti

No Responses

Leave a Reply