Ecco perchè gli “antidepressivi” non faranno niente per il tuo stress, anche se il tuo medico continuerà a prescriveli

Una montagna di persone, come te, prende gli antidepressivi perché si sente stressata, ma ovviamente non ne ha nessun beneficio.

Perché?

Perché le cause dello stress e della depressione sono completamente diverse.

Se punti al bersaglio sbagliato con l’arma sbagliata, è ovvio che non risolvi niente, non credi? Puoi pensare di abbattere un muro con la cerbottana?

Certo che no, è ovvio!

E allora perché insisti a prendere questi maledetti antidepressivi?

La depressione è una cosa seria e va trattata come tale, e non come “stress”.

In questo articolo vorrei spiegarti non solo perché la depressione e lo stress sono due cose molto diverse, ma soprattutto come funzionano gli antidepressivi (e perché la maggior parte delle volte non funzionano)

Ci sono due grosse credenze popolari riguardo alla depressione

1) Gli eventi stressanti della vita sono causa di depressione

2) Uno squilibrio dei neurotrasmettitori nel cervello scatena i sintomi della depressione

Queste due credenze popolari sono dannose a loro volta per altri due motivi

1) perché, come ti spiegavo poco fa, stress e depressione sono due cose diverse e vanno trattata in maniera diversa

2) perché gli attuali antidepressivi (e siamo nel 2017, ma dubito che nei prossimi 10 anni cambierà qualcosa in proposito ) mirano a rinforzare i livelli dei neurotrasmettitori, basandosi sulla popolare spiegazione di depressione, cioè il risultato di bassi livelli di neurotrasmettitori (serotonina, epinefrina e dopamina)

Mi rendo conto che è un po’ contorto.

Provo a semplificare il concetto: le medicine si focalizzano sugli effetti del problema, non sulla causa.

I ricercatori hanno fatto grossi passi in avanti nelle ricerche al punto tale che annullano completamente il “dogma” che lo stress è la principale causa della depressione.

Le ultime ricerche rivelano che non c’è nessun tipo di coincidenza tra i geni che causano la depressione e i geni che causano lo stress.

Ogni anno nel mondo vengono prescritti oltre 200 milioni di confezioni di antidepressivi, intanto negli USA 1 su 20 dichiara di essere depresso, mentre in Italia circa 6 milione di persone assumono antidepressivi.

Di tutti questi, l’80 % dichiara di avere qualche tipo di impedimento fisico, il 25% dice di trovare molto molto difficile eseguire compiti “normali e quotidiano” come il proprio lavoro di ufficio, riordinare casa o andare d’accordo con gli altri, per via di questa condizione

Ma allora perché tante persone si sentono così da schifo, nonostante l’antidepressivo dovrebbe essere proprio la cura per questo tipo di problema?

Ma soprattutto, perché è di così facile acquisto? (si, serve la ricetta, lo so benissimo! Vuoi spiegarlo proprio a me? ma sfido a trovare un medico che non la prescrive nemmeno se richiesta)

Qui casca l’asino.

La tradizionale risposta alla depressione, cioè l’antidepressivo, non funziona poi meglio di una banale pastiglia di zucchero, anzi alcuni studi hanno dimostrato che la pillola di zucchero funziona MEGLIO degli antidepressivi

(a questo link lo studio a cui mi riferisco: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3736946/ )

Altri studi ancora più completi indicano che il 75% degli effetti degli antidepressivi può essere replicato da un placebo (una pillola di “non medicinale”, solitamente zucchero)

Non sarebbe un problema se gli antidepressivi fossero innocue palline di zucchero, così almeno in modo casuale porterebbero dei benefici alle persone a cui vengono somministrate.

Ma non sono innocue pillole e spesso portano severi effetti collaterali, come:
– aumento del rischio diabete
– depressione del sistema immunitario
– aumento del rischio di suicidio e di comportamenti violenti

La depressione è una malattia seria, quindi prendere una medicina che probabilmente non serve a niente e che anzi, peggiora la tua situazione fino a farti meditare il suicidio, non è una scelta intelligente

Quindi se l’antidepressivo non funziona per la depressione, e tantomeno per lo stress, che si fa?

Eccoti 4 (+1) soluzioni per abbattere il tuo stress, senza antidepressivi inutili

1) ESERCITATI REGOLARMENTE

L’attività fisica regolare è la vera “arma segreta” per battere lo stress.

Funziona così bene che aiuta a normalizzare i livelli di insulina (quindi abbassa anche il rischio di infiammazione e diabete) mentre “pompa” gli ormoni del benessere al tuo cervello!

2) FAI UNA DIETA SANA

Un altro fattore che non puoi ignorare è la tua dieta. Il cibo a un impatto enorme sul tuo umore e sulla capacità di essere tranquillo, resistere alla pressione e affrontare lo stress.
Evita zuccheri, cereali e latticini e il tuo cervello lavorerà molto meglio

3) SUPPORTA LE FUNZIONI DEL CERVELLO CON I GRASSI OMEGA 3

Un buon livello di omega 3 dovrebbe essere il minimo indispensabili per chiunque debba sopportare una forte pressione psicologica. Gli studi che confermano i benefici di questo nutrienti per il cervello sono ormai infiniti e vanno avanti da oltre 30 anni.

4) FAI IL PIENO DI SOLE

Hai mai notato come ci si sente bene e di buon umore quando c’è una bella giornata di sole?

Certo che l’hai notato! Bene, questo succede grazie alla vitamina D prodotta dal tuo corpo.

Uno studio ha riscontrato che le persone con bassi livelli di vitamina D erano 11 volte più tendenti alla depressione rispetto a chi aveva invece un buon livello

Quindi da adesso per aiutarti a combattere lo stress, puoi migliorare il tuo livello di vitamina D esponendoti più spesso al sole o usando dei buoni integratori di vitamina D.

5) Continua a seguirmi!

Perché? Come perché? Che c’entro io con lo stress? Nei prossimi giorni farò un webinar dedicato allo stress e all’insonnia, e voglio assolutamente la tua partecipazione.

Oltre alle informazioni che ti regalerò in modo assolutamente gratuito, ci sarà anche una sorpresa per te! Se hai domande riguardanti lo stress, scrivimi a info@buoancura.com e ne discuteremo assieme nel prossimo webinar!

 

Commenti

commenti

Leave a Reply